Rwanda

Rwanda2018-03-13T08:51:58+00:00

La pagina sta venendo ultimata. Le foto di galleria verranno caricate quanto prima.

Con 26,340 chilometri quadrati di estensione, il Ruanda è un piccolo Paese che si trova tra il Lago Kivu e i vulcani Virunga a Ovest e la savana del fiume Akagera a Est. Detto il Paese “dalle mille colline” il suo territorio è soprattutto caratterizzato da un paesaggio collinare e montuoso.

Kigali

Kigali è una città molto bella, capitale del Rwanda dal 1965, che si estende sulle tipiche colline Verdi che caratterizzano il Paese. Ci sono molti ristoranti, negozi e luoghi d’interesse. Il city tour è un’attività che dura mezza giornata e consente di visitare il museo culturale, il memoriale del genocidio a Kigozi, i mercati locali e quelli dell’artigianato.

Butare

La “capitale culturale” del Rwanda si trova lungo la strada tra Kigali e Nyungwe. Si possono trovare dei negozi di artigianato molto originali, che producono prodotti tipici quali quelli della lavorazione del legno e i cesti. A Butare si trova l’Università Nazionale, il Museo Storico Nazionale, la cattedrale cattolica costruita negli anni 1930. Non lontano da Butare in direzione di Kigali si trova la cittadina di Nyanza, che ora ha preso il nome moderno di  Nyabisindu. Qui si trova il centro del regno del Rwanda, con il palazzo reale del re (Mwami), ricostruito per ricevere I visitatori e ricco di reperti storici.

Parco Nazionale della Foresta di Nyungwe

La foresta di Nyungwe ha un’estensione di 970 kilometri quadrati ed è una delle più antiche e originali foreste pluviali tropicali di montagna in Africa. Ricchissima in biodiversità, la foresta ospita oltre 200 specie di alberi, 86 specie di mammiferi e 280 di volatili. Tra i mammiferi ci sono ben 13 specie di primati, tra cui il comune scimpanzè (Pan Troglodytes Schweinfurthi), il colobo del Rwenzori (o colobo Angolano), la scimmia Hoest, la scimmia argentata, la scimmia dalla faccia di gufo, dalla coda rossa, vervet e il babbuino.

Il Parco Nazionale dell’Akagera

Il Parco Nazionale dell’Akagera è la sola riserva in Rwanda con savana, il cui nome viene dal fiume che segna il confine con la Tanzania lungo la frontiera Orientale del Paese. Nel 1998 il parco fu ridotto di estensione e oggi ricopre solamente 2.500 kilometri quadrati. Una parte del suo territorio è ricoperta da acqua e laghi, con il Lago Ihema che è il più grande, circa 100 kilometri quadrati. Negli ultimi decenni la pressione della popolazione e il bracconoaggio hanno di molto ridotto la quantità di animali presenti.

Tra i mammiferi, si possono trovare soprattutto bufali, impala, zebre, giraffe Maasai, elefanti, altre antilopi quali antilopi d’acqua, topi e eland. Nei laghi ci sono ippopotami e coccodrilli oltre ai volatili d’acqua.

Tra le attività sviluppate nel parco ci sono i safari fotografici lungo le piste tra Sud e Nord e il giro in battello sul Lago Ihema.

Il Parco Nazionale dei Vulcani e I gorilla di montagna

Il Parco Nazionale dei Vulcani è la parte ruandese dell’Area di Conservazione Virunga, 420 kilometri quadrati condivisi tra Uganda, Ruanda e Congo. Il nome deriva dai nove vulcani Virunga, di cui tre sono ancora attivi. Il più alto è il Karisimbi, 4.507 metri. Poi ci sono i monti Visoke, Sabinyo, Gahinga, Muhavura, Mikeno, Ngezi, Muside. L’altitudine varia tra i 2.400 e i 4.500 metri delle cime principali. La fascia della vegetazione varia dalla foresta di montagna e di bambù fino alle brughiere alpine oltre i 3.500 metri. Il parco è ben conosciuto come destinazione per il tracking dei gorilla di montagna. Questa attività ha avuto inizio in modo strutturato dal 1999. Con il censimento del 2011 si stimano circa 250 gorilla di montagna presenti in Rwanda, di cui oltre la metà sono visitabili dai turisti e divisi in sei famiglie (Susa, Sabynyio, Amahoro, Group 13, Umubano, Hirwa).

Altre attività possibili nel parco dei vulcani:

Trekking per la visita al Vecchio Centro di Ricerca Karisoke. Il trekking si conduce attraverso la foresta fino ai resti del vecchio centro di ricerca di Dian Fossey, che si trova tra il vulcano Karisimbi e il Visoke. Si trovano qui la tomba della primatologa e quella di altri gorilla, morti durante il periodo della presenza della Fossey sui monti. Anche grazie al lavoro di Dian Fossey, che fu uccisa nel 1985, si è posto un freno alle attività di bracconaggio e si è imposta la necessità di conservare la specie dei gorilla. Il trekking dura dalle 6 alle 8 ore con ritorno e occorre portare con sè il pranzo al sacco.

Trekking delle scimmie dorate. La scimmia dorata, o Cercopithecus Kandti, è elencata tra le specie di primate in via d’estinzione e si trova nelle foreste dei Virunga. E’ endemica alla Rift Valley Albertina. Dal 2003 è possible visitare due delle famiglie di scimmie dorate che sono state familiarizzate alla presenza umana, anche con lo scopo di reperire risorse per la loro conservazione.

Trekking / scalata del vulcano Karisimbi. Il Karisimbi è la montagna principale tra I Virunga e si può ascendere in due o tre giorni di camminata, portando con sè la tenda e il materiale da campeggio. Guide e portatori sono organizzati dall’autorità del parco.

VISUALIZZA GLI ITINERARI